- ore  
home chi siamo aree geopolitiche speciali asians grandi temi multimedia servizi contatti


India, caste intoccabili


Jati (nascita), varna (colore), casta (dal latino castus, puro, attraverso il portoghese), comunque definita la tradizionale divisione della societ hindu ha trovato nei secoli una incredibile capacit di riprodursi e di riprodurre addirittura la convinzione della sua necessit. Al punto da non essere cancellata dalle dominazioni straniere, che - dal sultanato islamico all'impero britannico - in maggioranza hanno introdotto concezioni socio-religiose assai diverse.
Le caste, negate dal dominio europeo prima e poi dalla Costituzione del 1950, sono rimaste un'eredit necessaria e scomoda per i governi dell'India indipendente. Di cui tenere conto, comunque, ma un po' alla cieca nella mancanza di dati certi su una realt che sembra sfuggire a ogni delimitazione. I censimenti sembrano ignorare la questione, in realt l'aggirano , con il risultato che i dati sono spesso imprecisi, a volte manipolati.
La raccolta di dati sull'appartenenza castale, si sostiene, mal si concilierebbe con la Costituzione, egualitaria e laicista. In particolare colliderebbe con l'articolo 15, che proibisce ogni discriminazione basata su religione, razza, casta, sesso, luogo d'origine, e l'art. 16 che stabilisce pari opportunit tra tutti i cittadini rispetto agli impieghi pubblici. Tuttavia, la Costituzione non proibisce di raccogliere dati sulle caste, ma bens la discriminazione che da queste deriva. Si arriva cos al paradosso. Per avere dati utili a dividere in quote persino i seggi parlamentari, si deve ricorrere a mezzi non sempre in linea con la legalit. Ma, altri puntualizzano, le caste non si pongono sulla stessa linea dei matrimoni infantili o del lavoro minorile? Un mistero per nessuno e entrambi illegali ma che nessuno obietta non debbano essere conosciuti in dettaglio per potere essere contrastati con efficacia.
D'altra parte, da decenni sono previste, quasi necessarie, allineate in una lunga serie, le cosiddette "Altre Classi arretrate", ben presto trasformate nella lettura comune in "Altre Caste arretrate" ("altre" rispetto alle Trib registrate e alle Caste registrate) definite sulla base di un reddito che nei censimenti non viene dichiarato e meno che meno ha riscontro nel sistema di tassazione indiano. Insomma, sembra che il risultato pi solido e controverso della tradizione indiana sia il meno afferrabile, una materia da plasmare e usare all'occorrenza e per il resto da lasciare ad essiccare nel dimenticatoio della storia, come un male scomodo ma inevitabile. Basti pensare che la classificazione attuale quella stabilita nel 1931, quando tutti - dai fuoricasta ai bramini - erano sudditi di Sua Maest britannica e a sua volta influenzata da una serie di rilevazioni che hanno come capostipite ineguagliato il censimento del 1881!
Questo dava un numero di caste di 1.929 di cui il 58%, 1.126, con meno di 1.000 membri, e il 29%, 556, con meno di 100. Quanto alla diffusione territoriale, gli esponenti di 1.432 gruppi castali furono registrati in una sola localit e, all'opposto due caste, quella dei bramini e dei rajput (di tradizione guerriera) erano diffuse su tutto il territorio nazionale. Comunque sia, e tenendo conto anche dei cambiamenti di nome, dello spostamento di popolazione anche successivo all'indipendenza e della in parte diversa classificazione ufficiale, resta la certezza che questo tratto della grande India rester ancora per lungo tempo unico e determinante.

Stefano Vecchia
Delhi, 20 Luglio 2007





ID articolo: 0069
Data: 2007-09-12
Sezione: areegeopolitiche
Titolo: India, caste intoccabili
Autore: Stefano Vecchia
Dimensione: 3601 bytes



 versione stampabile  segnala ad un amico torna su 
Utenti Online: 1 Pagine visitate: 6119

Equatoria.it - Informazione su Asia, Africa e Medio Oriente - www.equatoria.it - info@equatoria.it
"Registrazione al Tribunale di Milano n. 881 del 22.11.2005" - Direttore responsabile: Enrico Casale

Il materiale pubblicato liberamente riproducibile con ogni mezzo per fini non commerciali a patto di citare la fonte, salvo ove diversamente specificato.
In caso di utlilizzo commerciale necessario contattare la redazione per richiedere l'autorizzazione.